Pare che l’eclissi di sole sia un fenomeno per il quale la luna oscura il sole.

Durante un’eclissi la luna proietta la sua ombra sulla superficie terrestre.

Uno spettacolo meraviglioso per il quale il sole perde la sua luce e la luna copre tutto con la sua misteriosa oscurità.

Strano, un eclissi di sole proprio oggi.

Come se qualcuno mi stesse insegnando l’astronomia attraverso la vita o viceversa.

La luce oscurata dal buio. Il calore che fa spazio al gelo.

Per un istante, per pochissimi istanti.

Il sole, luminoso e caldo, accogliente, festoso ed esuberante che permette all’ombra della luna di entrare.

Una luna bellissima ma misteriosa e fredda, buia, fitta.

Pochi minuti, a volte secondi.

Il sole l’accoglie, le dà il benvenuto, si lascia oltrepassare.

Si lascia oltrepassare perché sa che l’unico modo per ritrovare la luce è andare in fondo alle tenebre.

Perché sa che malgrado tanto freddo, troverà di nuovo calore.

Il suo cuore da freddo a tiepido diventerà caldo.

La sua forma paffuta e calda ritroverà la sua luminosità.

Si lascia oltrepassare perché sa che da quel buio, da quel mistero, da quel lancio senza paracadute imparerà cose nuove, si arricchirà.

Capirà che il buio altro non è che l’altro lato della luce, del calore.

Capirà che l’eclissi lo cambierà per sempre.

Sarà più consapevole, dolorante ma consapevole.

Sarà stanco, un puzzle da ricomporre.

Sarà svuotato ma fiducioso che presto, molto presto riuscirà di nuovo ad irradiare tutti col proprio calore.

Fiducioso che la relazione tra luce e tenebre è uno spettacolo raro e particolare.

Prezioso, tanto da lasciare tutti perdutamente affascinati.